It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]
Vallo Alpino: Caposaldo Pattacroce: Ricovero Q
di Gianfranco Genta © (05/10)
Ultimato nel 1936 e posizionato ad E della Piana del Pattacroce ad una quota di circa 2275 m slm il Ricovero-Appostamento Q (Opera in caverna) rinominato dai francesi P.72 avrebbe ospitato 16 uomini all'interno dello stanzone di m. 5x3. L'Opera era dotata di un ingresso in trincea, il cui primo tratto era protetto da un muro semicurvo con 4 feritoie quadrate da cui con arma portatile si poteva tenere sotto tiro restando al riparo le casematte e l'avvallamento di accesso del Centro 13A. Dette feritoie potevano anche essere destinate all'osservazione. L'opera era pure dotata di un pozzo profondo 8m e dotato di scala a pioli metallica da usare come osservatorio oppure come uscita di emergenza.

Purtroppo il Ricovero Q non è visitabile internamente a causa di una frana che ha completamente occluso l'accesso ed io non mi sono fidato a scendere utilizzando la scala metallica del pozzo (penso che sia nota la mia avversione all'uso di scale metalliche specie se abbandonate da oltre 70 anni) in quanto 8 metri sono pur sempre una casa di tre piani! Possiamo comunque visitare l'Opera in modo virtuale. Al termine della trincea una volta varcato l'ingresso dopo un tratto di 3 metri il corridoio piega leggermente a dx per sbucare dopo un tratto rettilineo di 7 m nella stanza del ricovero. Quest'ultima è un vano di m.3x5 dalla cui parete W parte un tratto di corridoio che dopo una svolta di 90° porta alla base di una scala in cemento di 9 gradini che conduce alla base del pozzo dell'uscita di emergenza.

SI RACCOMANDA DI NON USARE LA SCALA METALLICA PER ACCEDERE ALL'INTERNO!!

La visita descritta è stata effettuata dallo scrivente il giorno 11 ottobre 2009. A coloro che fossero interessati alla visita appena descritta oppure a qualcuna delle Opere circostanti si consiglia di lasciare l'autovettura al parcheggio ubicato al termine della diga ed imboccare la strada per il Pattacroce fino a raggiungere l'inizio della piana omonima,raggiungere la postazione P25 visibile a dx e scendere di una ventina di m fino a raggiungere il muro di protezione della trincea di accesso. Si possono preventivare circa due ore di cammin.o

Foto 1: la trincea di accesso vista dall'alto. Foto 2: il muro di protezione con le feritoie per il tiro e l'osservazione. Visibile sullo sfondo la Casamatta A1 del Centro di Fuoco 13A.
Foto 3: la trincea di accesso. Foto 4: l'ingresso del ricovero, completamente sepolto dalla frana.
Foto 5: vista da una feritoia. Foto 6: la casamatta A1 e l'avvallamento che cela l'ingresso del Centro 13A visti dalla trincea del ricovero.
Foto 7: l'uscita del pozzo del ricovero. Foto 8: particolare dell'uscita.
Foto 9: l'interno del pozzo. Foto 10: anche senza visita all'interno un caro saluto agli amici di ICSM.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]