It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Luoghi Estero]
Il Fort du Cognelot (Langres)
di Mattia Collaro © (11/07)
Ottobre 2007, il Fort du Cognelot è stato scelto come sede dell'annuale forum di fortificazioni europeo. La zona è raggiungibile dal traforo del Frejus, continuando in direzione Dijon e poi Langres (circa 540 km da Torino). La zona è di pianura e il forte posto leggermente più in alto controllava una vasta zona. Nelle pianure sottostanti nella seconda Guerra Mondiale si dovevano vedere file di carrarmati tedeschi, in lotta contro le linee francesi, vari forti e linea maginot a supporto!

Il forte è di costruzione 1874 - 1877, il nome è Forte Vercingetorige; molto particolare l'architettura militare e la roccia giallastra utilizzata per la costruzione. Il forte non è visibile da satellite perché inglobato nella fitta vegetazione. Un enorme e profondo fossato perimetra tutta la struttura e tre osservatori guardano i vari punti strategici sempre sull'ampia e infinita pianura (da Langres a Chalindrey). Le artiglierie erano disposte tutte in barbetta, ampie caponiere controllano ogni angolo del forte. La forma è trapezioidale.

La guarnigione era di 1083 uomini e i pezzi d'artiglieria erano: 3 mortai da 220 mm; 6 cannoni da 155 mm; 10 cannoni da 95 mm. Inoltre le caponiere di controscarpa disponevano di altri 10 cannoni da montagna (calibro non specificato) e 10 mitragliatrici (installate successivamente).

Appena entrati troviamo un ponte levatoio controllato da feritoie disposte orizzontalmente, agli estremi del fossato a destra e a sinistra si vedono le caponiere; una lunga galleria porta all'interno del forte, nella parte delle caserme che danno su un piazzale a cielo aperto. Oltre questa sezione del forte ci sono le piazzole dei pezzi d'artiglieria in barbetta e ancora oltre il maestoso fossato e poi i tre osservatori, dei quali uno solo è ben visibile, perché gli altri sono immersi nella fitta vegetazione e quasi introvabili. Ogni caponiera di controscarpa aveva davanti a se un altro fosso profondo circa 4 m (quindi un fossato nel fossato). Ancora oltre questa linea vi erano una serie di trincee con appostamenti campali. In alcune parti del forte è possibile notare un ammodernamento fatto negli anni trenta - quaranta. Un camminamento in caverna (purtroppo non visitabile), collega le caserme interne del forte con le caponiere del fosso, la galleria passa molto in profondità, passa sotto il fossato e ancora sotto il fosso delle caponiere, per poi risalire alle postazioni.

Per commenti relativi al Forte qui descritto o per maggiori info, mandatemi email a: mattyjones@libero.it.

Ecco ora una descrizione più dettagliata grazie alle fotografie.

Foto 1: le mura esterne portano verso il ponte levatoio e quindi l'ingresso. Foto 2: il monumentale ingresso del forte.
Foto 3: nome del forte e anno di costruzione. Foto 4: il fossato a sinistra.
Foto 5: il fossato a destra. Foto 6: il primo piazzale avanti le camerate delle caserme.
Foto 7: strada carrozzabile di camminamento tra le varie sezioni dell'opera. Foto 8: galleria di accesso alle caserme.
Foto 9: piccola riserva per munizioni. Foto 10: il tetto del forte inglobato nella vegetazione.
Foto 11: il tetto del forte inglobato nella vegetazione. Foto 12: il secondo piazzale avanti le camerate.
Foto 13: piccola cucina sul tetto del forte. Foto 14: il piazzale avanti le prime camerate truppa.
Foto 15: particolare dell'architettura militare a Cognelot. Foto 16: scala in pietra per i collegamenti tra le varie sezioni del forte.
Foto 17: interno delle caserme. Foto 18: una delle camerate con l'esposizione del forum.
Foto 19: il primo osservatorio, la vasta pianura sottostante che porta sino a Langres. Foto 20: primo piano dell'osservatorio.
Foto 21: interno dell'osservatorio (tutto in pietra). Foto 22: riservetta munizioni posta sotto l'osservatorio 1.
Foto 23: l'unica caponiera del fosso visitabile. Foto 24: vista nel fosso da una delle postazioni per cannone da montagna.
Foto 25: particolare della volta, arrivando dalla caponiera di controscarpa. Foto 26: accesso al fossato del forte.
Foto 27: la caponiera visitabile vista dall'esterno. Foto 28: la caponiera munita anche di piccolo ponticello levatoio sul secondo fosso.
Foto 29: vista panoramica del fosso da caponiera a caponiera. Foto 30: un'altra caponiera, quella collegata in caverna e non visitabile.
Foto 31: riservetta munizioni sotto al secondo osservatorio. Foto 32: camerata nelle vicinanze del secondo osservatorio.
Foto 33: il secondo osservatorio immerso nella vegetazione. Foto 34: una delle feritoie della cupola di osservazione in direzione Chalindrey.
Foto 35: appassionati in costume durante il forum di fortificazione. Foto 36: il finale con lo sparo del pezzo d'artiglieria del 1865.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Luoghi Estero]