It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]
Vallo Alpino: Caposaldo Ospizio: Batteria B3
di Mattia Collaro © (07/08)
Poco sotto il Piano delle Fontanette al Moncenisio (circa 50 m di dislivello sotto la piramide e i bar), vi è la Batteria B3, complesso in caverna del 1933, armata con 4 pezzi da 75/27 modello 06. Il primo ingresso è posto più in alto, chiuso da una inferriata e inagibile, 107 gradini più in basso ci sono le gallerie e i ricoveri. Seguendo un sentiero un po' pericoloso a strapiombo sul lago si scende fino ad uno spiazzo con osservatorio sul lago, casermetta truppa, latrine e ingresso numero 2 (questo era stato chiuso con inferriata ma ora si riesce ad entrare). Da qui un lungo corridoio porta ad un ricovero e poi solo alla prima casamatta metallica poiché un'esplosione attuata dai tedeschi ha completamente ostruito una parte dell'opera dividendo a metà la batteria, il malloppo due quindi non è visitabile. Facendo la visita esterna notiamo il primo malloppo con ancora la mimetizzazione, invece il 2° e il 3° senza. L'acciaio è spesso più di 20 cm ed è impressionante, soprattutto la dimensione dei bulloni di ancoraggio. Il quarto malloppo ha di nuovo la mimetizzazione. Le esplosioni hanno fatto saltar via solo il mimetismo, ma l'acciaio ha retto bene, solo in una si nota una crepa. Oltre si arriva all'osservatorio corazzato, al di sotto di esso vi è una piccola uscita (70 cm x 50 cm circa), dal quale si può entrare (unico possibile ingresso a questo altro pezzo di batteria); il camminamento è scomodo e un po' lungo però poi la visita merita. Da qui un trivio porta all'osservatorio con ancora la sfera e una scalinata sale in curva con 50 gradini bassi e lunghi e porta al corridoio principale e quindi alle altre due casamatte e poi al ricovero più ampio e infine alla scalinata dei 107 gradini. Ogni malloppo ha incisa una dedica: Caporale CAFFO ERNESTO; Fante PLANO VINCENZO; Sottotenente VALLERO VALERIO e Caporale FOGLIA FEDERICO. In ogni casamatta è incisa su parete la provenienza dell'acciaio e l'anno.

Per informazioni più dettagliate relative a opere del Vallo Alpino nelle aree limitrofe vi consiglio di visitare il mio sito http://www.bardonecchiafortificata.it; per commenti relativi alla Batteria B3, mandatemi email a: mattyjones@libero.it.

Ecco ora le attese fotografie che illustrano ciò che ho appena descritto.

Foto 1: ingresso superiore della batteria, chiuso da cancello. Foto 2: attraverso il cancello le rampe che scendono.
Foto 3: ingresso parzialmente ingombro di macerie. Foto 4: lo spiazzo avanti l'ingresso 2 della batteria.
Foto 5: ingresso Principale. Foto 6: osservatorio esterno.
Foto 7: interno casermette. Foto 8: primo corridoio e locali deposito.
Foto 9: cisterna dell'acqua. Foto 10: locali interni della B3.
Foto 11: ricovero inferiore della batteria. Foto 12: accesso ad una casamatta.
Foto 13: caporale Caffo Ernesto nella prima casamatta. Foto 14: interno della casamatta da 75/27.
Foto 15: uno dei locali parzialmente rovinati. Foto 16: esterno casamatta uno.
Foto 17: marchio e modello ILVAL. Foto 18: casamatta due, il mimetismo è saltato via.
Foto 19: i piccoli bulloni immorsati nell'acciao. Foto 20: interno casamatta due (non visitabile).
Foto 21: fonderia Mianese di acciaio Vanzetti Milano 1933 XII. Foto 22: casamatta 3.
Foto 23: bulloni di ancoraggio. Foto 24: casamatta 4.
Foto 25: osservatorio corazzato e ingresso di fortuna. Foto 26: l'osservatorio.
Foto 27: la feritoia ancora con la sfera. Foto 28: uscita di fortuna percorribile (a proprio rischio).
Foto 29: interno dell'osservatorio. Foto 30: vista mozzafiato sul lago.
Foto 31: scala che sale verso il ricovero superiore della batteria. Foto 32: caporale Foglia Federico nella casamatta 4.
Foto 33: interno casamatta 4. Foto 34: scala di collegamnto tra i livelli dell'opera.
Foto 35: parti di impianto elettrico. Foto 36: sotto tenente Vallero Valerio nella casamatta 3.
Foto 37: il ricovero superiore. Foto 38: parti di impianto areazione.
Foto 39: deposito acqua in eternit. Foto 40: la lunga scala (107 gradini) che porta all'ingresso alto.
Foto 41: scala in direzione osservatorio. Foto 42: la dimensione dell'uscita di soccorso e un saluto a tutti.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]