It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]
Vallo Alpino: Ricovero Varisello
di Gianfranco Genta © (04/07)
Inserito nel Caposaldo Rivers, settore del Moncenisio, il Ricovero Varisello fu costruito nella metà degli anni 30 del secolo scorso. Si tratta di un'opera in caverna completamente rivestita. Ubicata sul versante Sud dell'altura sulla cui sommità si erge il Forte di Varisello (oggetto di un prossimo report) in posizione defilata ad un eventuale fuoco francese. Posizionato a fianco della strada militare che conduce ai Forti Malamot e Pattacroce (anche questi saranno oggetto di report) ad una quota di circa 2050 m. era dotato di 4 ingressi a baionetta, oggi completamente murati, un grande camerone lungo 40 metri, largo 5 e alto altrettanto (misure approssimative valutate dallo scrivente) in grado di ospitare una compagnia. In un apposito locale ubicato nei pressi dell'ingresso n.3 trovava posto un gruppo elettrogeno atto a garantire la produzione di energia elettrica necessaria all'illuminazione dell'opera (prestare attenzione alla buca sul pavimento che conteneva il serbatoio del carburante in quanto piena d'acqua e priva di protezione). La riserva d'acqua necessaria era contenuta in serbatoi di eternit posizionati all'estremità ovest del camerone su apposito basamento. Lo stato dell'opera è discreto a parte la saltuaria presenza di acqua e fanghiglia sul pavimento. Da notare che il basamento in cemento del motore a scoppio del gruppo elettrogeno si trova in una posizione inusuale, nel camerone in corrispondenza del corridoio che conduce all'ingresso n.3 e non nell'apposito locale. Ciò mi fa supporre che sia stato spostato nel dopoguerra. Lo scrivente è riuscito ad entrare nell'opera grazie a una breccia praticata nell'ingresso n.2 da ignoti. All'esterno del Ricovero è presente una fontana,purtroppo non più funzionante.

Qualche decina di metri ad est dell'ingresso n 1 sono presenti 2 piccoli ricoveri, R1 e R2 di circa 10 metri quadri ciascuno di superficie, in cattivo stato di conservazione e dotati di una feritoia per arma automatica con campo di tiro sulla strada. Infine un terzo ricovero, R3 è posizionato una ventina di metri più in alto del Ricovero Varisello.

Il ricovero R3 non è stato visitato dallo scrivente. Sia i numeri dei ricoveri che quelli degli ingressi sono stati attribuiti dallo scrivente. Anche questa zona è diventata territorio francese dopo la fine del secondo conflitto mondiale.

La visita descritta è stata effettuate dallo scrivente il 15 aprile 2007.

Per coloro che fossero interessati ad una visita si consiglia di attendere il periodo estivo quando con l'automobile si potrà percorrere la diga e usufruire dello spiazzo adibito a parcheggio presente sul versante ovest alla fine della medesima. Da questo punto in circa 10 minuti di cammino si raggiungerà il Ricovero. Una volta terminata la visita si potrà decidere se proseguire l'escursione visitando alcune delle numerose opere del Vallo Alpino presenti in zona,immersi in un panorama di verde e di quiete.

Come al solito via alle fotografie.

Ricoveri n. R1 - R2 - R3

Foto 1: stiamo percorrendo la sommità della diga, visibile sullo sfondo il Colle del Moncenisio. Foto 2: diga del lago del Moncenisio. Nel periodo estivo qui transitano le automobili, in fondo è ubicato il parcheggio cui accennavo nella descrizione. Dalla sommità dell'altura il Forte di Varisello vigila solenne.
Foto 3: l'ingresso del ricovero R1. Foto 4: la porta di ingresso.
Foto 5: il lato nord del ricovero. Foto 6: la feritoia dell'arma automatica.
Foto 7: condotto di aerazione. Foto 8: l'ingresso visto dall'interno.
Foto 9: il ricovero R2. Foto 10: la porta di ingresso.
Foto 11: il lato nord del ricovero privo del rivestimento. Foto 12: la feritoia per l'arma automatica.
Foto 13: l'ingresso visto dall'interno. Foto 14: vista d'insieme dei ricoveri R2 e R1.
Foto 15: la fontana, ormai non più in uso, vicino all'ingresso n.1 del Ricovero Varisello. Foto 16: l'ingresso del Ricovero R3, non visitato dallo scrivente.
Ricovero VARISELLO

Foto 17: l'ingresso n.2 del Ricovero Varisello. E' visibile la breccia praticata da mani ignote. Foto 18: non è molto comodo, ma è l'unico modo per accedere all'interno.
Foto 19: l'inizio del corridoio che conduce al camerone. Foto 20: la svolta a baionetta.
Foto 21: visibile a destra il corridoio che termina nel camerone. Foto 22: siamo giunti al camerone.
Foto 23: il lato est del camerone. In fondo a destra, non visibile, il corridoio che conduce all'ingresso n.1. Foto 24: il lato ovest del camerone, si distingue a sx il basamento del motore in corrispondenza del corridoio che conduce all'ingresso n.3.
Foto 25: il corridoio che conduce al locale del gruppo elettrogeno e all'ingresso n.3. Foto 26: l'ingresso del locale del gruppo elettrogeno.
Foto 27: la fossa che conteneva il serbatoio del carburante,ora colma d'acqua. (PRESTARE ATTENZIONE). Foto 28: il corridoio che conduce all'ingresso n.3.
Foto 29: vista interna dell'ingresso n.3 (Murato). Foto 30: l'ingresso n.3 visto dall'esterno.
Foto 31: il condotto di scarico dei gas prodotti dal motore a scoppio del gruppo elettrogeno,in corrispondenza dell'ingresso n.3. Foto 32: visibile a sinistra l'inizio del corridoio che conduce all'ingresso n.4.
Foto 33: interno del corridoio verso l'ingresso 4. Foto 34: poco prima dell'ingresso n.4 è presente questa nicchia chiusa con porta metallica.La sua funzione non mi è nota ma potrebbe trattarsi di un quadro elettrico di comando.
Foto 35: vista interna dell'ingresso n.4. La porta metallica è stata sicuramente montata dai francesi nel dopoguerra. Foto 36: vista esterna dell'ingresso n.4. La porta metallica è chiusa a chiave.
Foto 37: il basamento che sosteneva i serbatoi della riserva d'acqua. Foto 38: resti dell'impianto elettrico.
Foto 39: il corridoio di accesso all'ingresso n.1 sul lato est del camero. Foto 40: verso l'ingresso n.1.
Foto 41: resti dell'impianto elettrico. Foto 42: vista interna dell'ingresso n.1, murato e rattoppato.
Foto 43: vista esterna dell'ingresso n.1. Foto 44: si torna verso l'uscita, stiamo arrivando nel camerone..
Foto 45: resti dell'impianto elettrico. Foto 46: sono numerosi i resti dell'impianto elettrico.
Foto 47: il corridoio verso l'ucita (ingresso n.2). Foto 48: resti dell'impianto elettrico.
Foto 49: si inizia a intravedere l'uscita. Foto 50: l'uscita, ovvero l'ingresso n.2 visto dall'interno. Ancora un piccolo sforzo e il Moncenisio con le sue magnifiche visioni ci farà nuovamente sognare.
Foto 51: siamo appena usciti dal ricovero Varisello e guardando a nord-ovest il vallone e la strada che conducono al Forte Pattacroce sembra dirci arrivederci in estate. Foto 52: nonostante la neve caduta ultimamente, le gemme sono sbocciate ugualmente. Anche al Moncenisio è primavera. Visibile sullo sfondo il muraglione della diga.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]