It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Linea Maginot]
Alsazia, Ouvrage Maginot du Four a Chaux (Forno a Calce)
di Mattia Collaro © (11/08)
A pochi km di distanza dalla grossa opera Maginot di Hochwald, prima dell'abitato di Lembach, c'è il museo e opera Maginot Four a Chaux (forno a calce), chiamata così perché fino al 1939 veniva sfruttata a poca distanza una miniera di calce. Quest'opera occupa una superficie di 26 ettari, aveva una guarnigione di 580 soldati, è formata da sei blocchi di fuoco e ha 4,5 Km di gallerie, è un'opera media. L'ingresso materiali è quello dove ora c'è la biglietteria, da qui entravano i rifornimenti per un'autonomia di tre mesi a trenta metri di profondità.

La visita comincia dall'ingresso uomini, posto poco più in alto. Questo blocco è difeso da una mitragliatrice binata Reibel da 7.5 mm e da fucili mitragliatori, una cupola da 17 tonnellate in alto a destra funge da osservatorio. I gas dello sparo erano evacuati da feritoie poste nel fossato diamante posto avanti al blocco. Da qui ci si immette in un lungo corridoio: sulla sinistra troviamo i locali decontaminazione e l'obitorio in grado di contenere fino a sei bare di zinco. Qui vicino parte anche un'uscita di fortuna. Poi si entra nella zona logistica: camerate truppa e sottoufficiali, cucine, mensa, riserve acqua e ridotto: l'unica stanza nella quale è consentito fumare. Da qui procediamo nella galleria principale lunga 450 metri, alta 2,50 m e larga 1,80 metri e arriviamo al punto di unione di tutte le gallerie e poi ad uno dei blocchi di combattimento.

Nel primo piano si trova il meccanismo che permette di mettere la torretta in batteria o in eclisse. Quando è posta in batteria esce dal terreno di 60 cm ed è una cannoniera binata da 75mm con portata 10 Km. La parte mobile della torretta pesa 70 tonnellate e ha bisogno di un contrappeso da 20 tonnellate. La torretta può girare di 360° e ha un angolo di tiro di 45°. La visita termina con il piano inclinato dotato di montacarichi, con la centrale elettrica e la sala polivalente che fungeva da sala cinema o chiesa.

La visita è guidata ed è unica alle 14,30: info su www.lignemaginot.fr.

Per altre informazioni mandatemi una mail a mattyjones@libero.it.

Ecco ora le attese fotografie che illustrano ciò che ho appena descritto.

Foto 1: ingresso del museo e ingresso materiali. Foto 2: la pianta dell'opera media.
Foto 3: ingresso uomini, da qui comincia la visita. . Foto 4: particolare delle feritoie armate con mitragliatrici binate.
Foto 5: cominciano i corridoi, sulla destra la camera mortuaria. Foto 6: filtri del sistema di ventilazione di tutto il complesso.
Foto 7: corridoio principale, non si vede la fine. Foto 8: camerate.
Foto 9: infermeria. Foto 10: corridoio lievemente in salita sempre con rotaie sul pavimento.
Foto 11: biforcazione. Foto 12: ampi corridoi, in fondo si va verso le installazioni per la cupola con cannoni binati.
Foto 13: particolare della quantità di cavi elettrici che passano lungo le pareti. Foto 14: una delle porte blindate stagne dell'opera.
Foto 15: magazzino proietti, da qui partono le cremagliere e il sistema che porta i proietti a tutti i blocchi. Foto 16: la ditta di costruzione dell'impianto.
Foto 17: camera di tiro. Foto 18: camera di tiro.
Foto 19: particolare delle rotaie a soffitto per il trasporto proietti. Foto 20: montacarichi verso l'installazione a torretta.
Foto 21: piano inferiore dell'installazione. Foto 22: l'enorme contrappeso.
Foto 23: cremagliera e contrappeso per far venire fuori la torretta. Foto 24: sempre piano inferiore, dettaglio della struttura.
Foto 25: il piano superiore. Foto 26: dettaglio della struttura.
Foto 27: dettaglio della struttura. Foto 28: il modellino di tale installazione.
Foto 29: piano inclinato con montacarichi, lungo 120 m con dislivello 24 metri. Foto 30: piccolo museo nei locali.
Foto 31: centrale elettrica. Foto 32: il perimetro esterno con una facia di putrelle e spuntoni anticarro.
Foto 33: sempre il perimetro. Foto 34: una delle cupole dei blocchi di fuoco.
Foto 35: osservatorio. Foto 36: cupola con mitragliatrice.
Foto 37: marchio della cupola. Foto 38: la torretta per cannoni binati.
Foto 39: ancora la foresta di putrelle, invalicabile. Foto 40: particolare di una cupola con ancora le sfere.
Foto 41: il blocco con sullo sfondo il tipico paesaggio dell'Alsazia. Foto 42: il suddetto blocco, vista complessiva.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Linea Maginot]