It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Luoghi Estero]
Fort de Loncin (Belgio)
di Mattia Collaro © (10/10)
Siamo in Belgio, in una fortificazione del 1888 in azione nella Prima Guerra Mondiale a difesa della città di Liegi. Dodici fortezze armate con cannoni in cupole da 57, 120, 150 e 210 mm, proteggevano la zona. I tedeschi attaccarono dal 5 al 16 agosto 1914 e vinsero la battaglia utilizzando il mortaio Krupp Morser L/14, o Gamma M, detto Grande Berta, da 420mm.

Una delle fortezze attaccate era il Fort de Loncin, pianta triangolare, armato con quattro cupole da 57 mm (stesso tipo di quelle del Forte Bramafam di bardonecchia); due cupole rotanti da 120 mm armate con due cannoi ciascuna, una cupola da 150 mm e due da 210 mm. Il 15 agosto 1914 la guarnigione del Forte è pronta ad uscire dal forte per attaccare il nemico molto vicino alle mura ma il ripetuto bombardamento dei 420 mm, scava sulla sommità dell'opera e un proietto penetra in profondità e colpisce la polveriera. 12000 Kg di polvere fa esplodere il forte, la struttura di calcestruzzo viene sbalzata in fuori di tre metri e le cupole si spaccano in vari pezzi e alcune si girano al contrario con tutta l'installazione ancorata. Tutti i soldati vengono travolti dall'esplosione e sono ancora sotto alle macerie. E' la loro tomba e nessuno mai andrà a scavare.

La visita a tale fortezza è impressionante e lascia senza parole. Il museo contiene una collezione di armi e modellini della Battaglia di Liegi. Maggiori info sul sito ufficiale www.fortdeloncin.com.

Ecco ora una descrizione più dettagliata grazie alle fotografie.

Foto 1: ingresso del Museo. Foto 2: la pianta dell'opera.
Foto 3: il plastico del forte. Foto 4: collezione di armi.
Foto 5: ingresso restaurato del forte. Foto 6: ingresso principale.
Foto 7: interno del fossato. Foto 8: interno caserma di controscarpa.
Foto 9: vista sulla caserma d scarpa e controscarpa. Foto 10: interno caserma.
Foto 11: scala collegamento al pozzo da 57 mm. Foto 12: vista complessiva della zona colpita dai 420 mm.
Foto 13: la cupola divelta del 120 mm. Foto 14: altri particolari del 120 mm.
Foto 15: altri particolari del 120 mm. Foto 16: altri particolari del 120 mm.
Foto 17: torretta di osservazione Eclipse. Foto 18: la cupola d'acciaio del 150 mm.
Foto 19: il 210 rovesciato. Foto 20: il 210 rovesciato.
Foto 21: particolare del 210. Foto 22: il 210 rovesciato.
Foto 23: un'altra cupola da 120 poco danneggiata. Foto 24: il secondo 120 mm.
Foto 25: il secondo 120 mm. Foto 26: di nuovo il 210 mm.
Foto 27: altri particolari sui 210 mm. Foto 28: vista complessiva della sommità dell'opera.
Foto 29: il 150 mm. Foto 30: il 150 mm.
Foto 31: interno (zona non visitabile) di una delle camere prima del pozzo da 150 mm. Foto 32: vista su una torretta da 57 mm non interessata dalle esplosioni.
Foto 33: particolare interno cupola da 57 mm. Foto 34: struttura portante del pezzo da 57 mm.
Foto 35: fossato. Foto 36: lapide in onore dei caduti in battaglia.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Luoghi Estero]