It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]
Vallo Alpino: Caposaldo Orco: Postazione 77
di Gianfranco Genta © (02/11)
Nel 1939 quando la psicosi di un'invasione francese sembrava aver pervaso il nostro Stato Maggiore venne realizzato nell'ambito del Caposaldo Orco lo Sbarramento dei Chiapili formato da due Postazioni Tipo 7000: le 77 e 78. La 77, nostra meta odierna fu realizzata ad una quota di circa 1740 m slm nei pressi della Borgata di Ceresole Reale Chiapili di Sopra sulla sinistra orografica del torrente Orco,mentre la gemella 78 (non visitata dallo scrivente, visita prevista la prossima estate) venne realizzata all'incirca alla stessa altezza ma sulla dx orografica del torrente. La 77 è una classica 7000,armata di una mitragliatrice,dotata di un piccolo locale per il personale e on il blocco di calcestruzzo rivestito di pietre per il mascheramento. Non era provvista di piastra di protezione per l'arma e il suo compito era di battere le provenienze dall'alta valle dell'Orco incrociando il fuoco con la 78.

Molto interessante e degno di visita il masso su cui vennero realizzate delle interessanti incisioni da parte dei militari che nel 1927 realizzarono la strada che dai Chiapili saliva al Colle del Nivolet e alla Batteria Combetta. Oggi questa strada prende il nome di Sentiero Chabod e parte dalla destra della strada asfaltata poco a monte della Borgata. Scolpiti sulla pietra troviamo al centro un Fascio Littorio, a sx il fregio del 1° Reggimento di Artiglieria da montagna Gruppo AOSTA e a destra il fregio dell'8° Battaglione Genio Zappatori di Montagna ROMA. In basso si legge inoltre un V che potrebbe stare per Anno V Era Fascista e sotto 1927. Su un secondo masso ubicato invece nei pressi della Postazione troviamo uno stemma Sabaudo inciso sul lato verso la strada e un Fascio Littorio con a lato il Fregio dell'8° Battaglione Genio Zappatori di Montagna inciso sul lato verso la Postazione.

A coloro che fossero interessati ad una visita si consiglia di raggiungere da Torino la citta di Cuorgnè e da qui prendere in direzione Ceresole-Col del Nivolet fino alla borgata di Chiapili di Sopra,da qui in pochi minuti si potranno raggiungere sia la Postazione che il masso con lo stemma Sabaudo. Per l'altro masso occorre invece dirigersi verso l'alta valle e in pochi minuti di auto si raggiungerà l'inizio del sentiero Chabaud ove è posizionato lo stesso. L'escursione descritta è stata effettuata dallo scrivente il 14 settembre 2010.

Foto 1: l'inizio del Sentiero Chabaud,qualche decina di metri e troveremo alla nostra dx il masso cercato. Foto 2: il masso con le incisioni.
Foto 3: vista ravvicinata dell'insieme delle incisioni. Foto 4: il fregio del 1° Reggimento Artiglieria da montagna Gruppo Aosta.
Foto 5: il Fascio Littorio. Foto 6: il fregio dell'8 Battaglione Genio Zappatori da Montagna.
Foto 7: V potrebbe stare per Anno V E.F. vista anche la scritta 1927 che sicuramente si riferisce all'anno di esecuzione. Foto 8: il secondo masso con incisi lo Stemma Sabaudo e il fregio dell'8 Btg Genio Z.M. Roma.
Foto 9: particolare dello Stemma Sabaudo. Foto 10: particolare del fregio dell'8 BTG Genio Zappatori di Montagna Roma.
Foto 11: la piana dei Chiapili ove potremo parcheggiare l'auto. Visibile sul rilievo e cerchiata in rosso la Postazione 77. Foto 12: la Postazione 77 e la feritoia dell'arma.
Foto 13: vista ravvicinata del fronte N della Postazione. Foto 14: ci avviciniamo alla Postazione.
Foto 15: il fronte W della Postazione con l'ingresso e l'apertura della fotofonica. Foto 16: l'ingresso.
Foto 17: se volete seguirmi entriamo, anche se la visita sarà molto breve. Foto 18: la casamatta dell'arma vista dal piccolissimo ricovero per il personale.
Foto 19: il condotto della fotofonica (mai installata). Foto 20: l'interno del condotto puntato verso l'invisibile Postazione 78.
Foto 21: il basamento dell'arma. Foto 22: la feritoia dell'arma con gli angolari metallici di rinforzo.
Foto 23: possiamo uscire, l'ingresso visto dall'interno. Foto 24: il fronte E della postazione.
Foto 25: particolare dell'accurato mimetismo in pietra della Postazione. Foto 26: la feritoia dell'arma vista dall'esterno.
Foto 27: il campo di tiro dell'arma visto dal tetto della Postazione. Visibili il torrente Orco,le baite della frazione Chiapili e la strada proveniente dal Nivolet. Sullo sfondo la bastionata rocciosa delle Cime Galisia,Bousson e Basei tutte alte oltre 3000 m. Foto 28: anche dalla postazione 77 un caro saluto agli amici di ICSM.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]