It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]
Vallo Alpino: Caposaldo Villanova Opera n.8 Case Brunel
di Gianfranco Genta © (05/07)
Ad una quota di circa 1300 m., sulla destra orografica del torrente Pellice, qualche centinaio di metri a sud dell'abitato di Villanova è ubicata l'opera n.8, la più bassa dell'omonimo caposaldo. Si tratta di un'opera tipo 7000, costruita come tutto il caposaldo Villanova nel 1941, armata con una mitragliatrice e ottimamente mascherata da grangia. Compito dell'opera era quello di battere con la sua arma, in concorso con l'opera n.7 le pendici del Mirabuc. In ottimo stato di conservazione, aveva l'ingresso posizionato nella parte posteriore ed era dotata di una porta stagna. Entrando troviamo sulla destra una piccola nicchia con il condotto della fotofonica, puntato direttamente sull'abitato di Villanova, facendo presumere che in prossimità della borgata fosse installata una stazione telefotofonica mobile da campo. In successione troviamo un piccolo ricovero per il personale ed un tratto di corridoio che conduce alla casamatta dell'arma.

Qui sono presenti varie nicchie, destinate a contenere le munizioni di riserva e parti di ricambio della mitragliatrice, come ad esempio la canna ecc. Sul basamento in cemento dell'arma sono ancora posizionate le guide metalliche per il treppiede della mitragliatrice. Le fotografie che seguono renderanno comunque più completa la descrizione.

Per rendere meglio l'idea del Caposaldo Villanova, allego al presente Report una serie di fotografie, scattate dal fondo valle di tutte le opere del caposaldo. Per gli amanti di araldica si segnala che sull'ultima casa (restaurata) dell'abitato di Villanova sono ancora presenti, benché ormai quasi illeggibili uno dei motti della Guardia alla Frontiera che recita - RESISTERE AD OGNI COSTO - e sopra di questo lo stemma del VI Settore-Germanasca Pellice della GaF. Per i cenni storici sullo Sbarramento Villanova vedere il report SBARRAMENTO VILLANOVA-OPERE n.1 e 2 del mese di febbraio 2007.

Per l'accesso automobilistico seguire il percorso descritto nel Report "Un Neptune in Piemonte" del mese di settembre 2006.

Parcheggiata la vettura negli appositi spazi all'inizio dell'abitato,attraversarlo e dopo qualche decina di metri troveremo alla nostra sinistra un sentiero in discesa che dopo aver attraversato il torrente Pellice su un ponte sbuca all'estremità Nord di un pianoro.Da questo punto,in direzione Sud l'opera n.8 è già visibile e raggiungibile in pochi minuti.La visita descritta è stata effettuata dallo scrivente il 22 aprile 2007.

Opera 8. Case Brunel

Foto 1: la casa che reca ancora il motto RESISTERE AD OGNI COSTO e lo stemma del VI Settore GaF. Foto 2: il ponte sul torrente Pellice,che dovremo attraversare per raggiungere l'Opera n.8.
Foto 3: in cima al pianoro è visibile l'opera n.8. Foto 4: il lato posteriore dell'opera e l'ingresso.
Foto 5: la presa d'aria per la ventilazione interna. Notare la mancanza del filtro. Foto 6: il lato Nord con l'apertura del condotto della fotofonica..
Foto 7: la ricerca del più accurato mascheramento ha fatto inserire questa canalina in pietra per lo scolo dell'acqua piovana. Foto 8: il tetto,questo lato dell'opera (sud) è appoggiato a un terrapieno.
Foto 9: la parte anteriore dell'opera vista da NW. Foto 10: la parte anteriore dell'opera vista da SW,notare sullo sfondo l'abitato di Villanova.
Foto 11: la parte anteriore con l'apertura della cannoniera per la mitragliatrice. Foto 12: particolare dei gradoni della cannoniera.
Foto 13: la feritoia per la mitragliatrice. Notare la piastra della corazzatura di tipo piano dello spessore di 7 cm. Foto 14: il corridoio di ingresso.
Foto 15: la nicchia con il condotto della fotofonica. Foto 16: l'abitato di Villanova visto dal condotto della fotofonica.
Foto 17: il lato Est del ricovero del personale con il corridoio verso l'ingresso. Foto 18: l'interno della casamatta.
Foto 19: all'interno della casamatta, la nicchia che doveva contenere la lampada a petrolio è servita come sede di un nido. Foto 20: il basamento della mitragliatrice e le guide metalliche.
Foto 21: la feritoia per l'arma e la piastra corazzata piana di protezione. Foto 22: particolare del condotto dell'aria.
Foto 23: nicchia per contenitore portamunizioni, posizionata a fianco dell'arma. Foto 24: nicchie all'interno della casamatta.
Foto 25: verso l'uscita. Foto 26: l'ingresso visto dall'interno, notare lo stipite della porta stagna.
Le Opere del Caposaldo Villanova

Foto 27: l'opera n.1 Rocca Chiapus vista dai pressi dell'opera n.8. Foto 28: l'opera n.2 Case Chiot vista dal vecchio sentiero che sale al rifugio Jervis.
Foto 29: l'opera n.3 Gugliassa vista dal vecchio sentiero che sale al rifugi Jervis. Foto 30: l'opera n.7 Peira Taglia, semidistrutta in seguito alla costruzione della strada sovrastante.
Foto 31: l'opera n.8 Case Brunel (oggetto del report odierno) vista dal sentiero che sale al rifugio Jervis. Foto 32: lo stemma del VI Settore Germanasca-Pellice GaF.
RIPRODUZIONE RISERVATA ©
[HOME] > [icsm WORLD] > [Reportage: Vallo Alpino]