It.Cultura.Storia.Militare On-Line
invia stampa testo grande testo standard
Bookmark and Share
[HOME] > [icsm ARTICOLI] > [da icsm: II GM]
Radar di Malta
by Henry Newbolt 19/09/02
[torna indietro]
Il primo apparato radar fu installato a Malta nel Marzo 1939, era l'AMES 242 (Air Ministry Experimental Station), il primo del suo genere ad essere installato al di fuori del Regno Unito. Era del tipo COH (Chain Overseas High), usato per plottare aerei ad alta quota. A metà '41 a Malta erano presenti: AMES 501 a Tas-Silg, AMES 502 a Madliena, AMES 504 a Dingli; tutti questi erano del tipo COL (Chain Overseas Low) per plottare aerei a medio-bassa altitudine. AMES 242 a Dingli.

La informazioni raccolte andavano alla Filter Room, che le interpretava e poi alla Fighter Operation Room che provvedeva a dirigere i caccia. A differenza che in UK, la FOR si occupava sia del Fighter Group che del Fighter Sector, cioè doveva operare sia a livello strategico che tattico, come diceva una battuta circolante nell'ambiente "il Fighter Sector Controller non può vincere un combattimento aereo in un centinaio d'anni ma può perderne uno in un centinaio di secondi", immaginate l'overdose di lavoro del FSC a Malta che doveva occuparsi anche del livello superiore!

Le contromisure dell'Asse in previsione dell'invasione, si avvalsero di uno Ju.52 modificato per captare le emissioni dei radar, i quali venivano poi fotografati dagli Ju.88 e attaccati dai Bf.110; L'AMES 501 fù colpito il 1 Aprile 1942. L'Asse installò inoltre quattro centri di disturbo; due italiani a Villa Arezzo e Monte Renna (in provincia di Ragusa) e due Tedeschi a Pozzallo e Noto.

Fonti: Malta George Cross - Victory in the air, Richard Caruana, Modelaid

H.N.
[HOME] > [icsm ARTICOLI] > [da icsm: II GM]